Comunicato Segreteria Nazionale USi/Sanità - Emergenza sanitaria COVID-19

ANDRA' TUTTO BENE... MA CON 37 MILIARDI DI EURO IN PIU' ANDAVA CERTAMENTE MEGLIO!

Almeno 37 miliardi di euro, ovvero 43.000 lavoratori con conseguente soppressione di 70.000 posti letto di cui 3.000 di terapia intensiva. Negli ultimi anni questi i tagli nella sanità.

Sono anni che ci si prepara "scientificamente" ad essere impreparati ad affrontare un'emergenza sanitaria come l'attuale.

 

In questi giorni di emergenza coronavirus sta venendo alla luce il grido d’allarme sui massicci tagli che hanno colpito negli anni il nostro sistema sanitario evidenziando ogni problematicità e i limiti a cui è soggetto. Il taglio progressivo del SSN, la riduzione sistematica di risorse umane e tecnologiche, dovuti ai tagli sul Fondo Sanitario, ha determinato un’implosione generalizzata dei servizi che si è tradotta di conseguenza  in riduzione della possibilità di accesso alle cure per un numero sempre maggiore dei cittadini. Oggi è il coronavirus domani sarà un altro virus o anche una qualunque banale malattia: I livelli essenziali di assistenza (LEA) sono una condanna a morte e quando si lascia morire un po' alla volta ci si fa meno caso,mentre i morti da coronavirus hanno la colpa di essere troppi in troppo poco tempo.

Leggi tutto: Comunicato Segreteria Nazionale USi/Sanità - Emergenza sanitaria COVID-19

16 MARZO 2020 - MODENA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

https://www.facebook.com/usimodena

11 Marzo 2020 - USI-Parma

LE COOP E LA LORO DEMOCRAZIA

Le grandi cooperative di Parma (Proges e Auroradomus), nell'assenso di Legacoop, stanno escludendo USI dal partecipare ad ogni trattativa in merito non solo ad aspetti contrattuali, ma pure sull'emergenza sanitaria in corso, e questo è inaudito e gravissimo.

Addirittura, stanno deliberatamente privando tutti/e quei lavoratori/trici aderenti ad USI, sempre di più, anche delle informazioni inerenti al personale che sono necessarie e vitali in quest'occasione così delicata: come definire questo atteggiamento?

In pratica, per questi enti, chi non aderisce a CGIL/CISL/UIL non ha diritto a rappresentanza, a essere informato: a nulla.

E queste stesse cooperative, non stanno certo brillando per la completezza e tempestività delle informazioni pure internamente ai servizi, tanto che regna confusione e nervosismo, e l'unica preoccupazione è non fare trapelare esternamente il disagio che si vive. Abbiamo provato a organizzare un tavolo unitario esteso ad altri sindacati di base, convinti che l'unione faccia la forza, ma purtroppo non hanno dimostrato interesse.

Leggi tutto: 11 Marzo 2020 - USI-Parma

10 Marzo 2020 - USI-Parma

TI HANNO CHIESTO UN SERVIZIO EDUCATIVO A DOMICILIO?

in questo periodo di scuole chiuse, capita che agli educatori richiedano un'assistenza domiciliare presso il domicilio dei ragazzi che seguivano prima (o altri colleghi).

Ebbene, noi ti consigliamo di rispondere, alla luce dei vari decreti ministeriali:

1) ne avete parlato col mio sindacato? è un mio diritto costituzionale, allora dateci un taglio con le vostre discriminazioni e convocate sto tavolo!

2) ho la garanzia che non perderò forme di ammortizzatori sociali?

3) ho tutti i dispositivi medico-sanitari ADEGUATI?

4) avete fatto una valutazione dei rischi consegnata a TUTTI i sindacati presenti e mi mettete nero su bianco che vi prendete la responsabilità?

5) nella mia autovettura non entra nessuno per motivi di lavoro in questo periodo se almeno uno di questi punti non fosse rispettato, il nostro consiglio è di dire a chi ti ci manda (letteralmente), con grande pacatezza e serenità interiore: vacci tu!

USI-CIT Parma

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

USI/Educazione

Comunicato Usi-Parma - Usi/Educazione

CHI LAVORA AL CENTRO DI TUTTO

Dal 24 febbraio scuole e asili sono chiusi per l’emergenza Covid-19. Chi è dipendente pubblico, ha avuto giustamente tutto pagato senza tanti dubbi e problemi, non avendo responsabilità per la chiusura, per chi invece lavora nelle scuole ma è dipendente di cooperativa si è aperto un periodo di incertezza e mobilitazione. Il nostro problema, interessa tutti: siamo le maestre e le ausiliarie dei vostri figli negli asili, gli educatori che seguono ragazzi con varie problematicità.

Ci sono contratti che prevedono coperture in caso di eventi eccezionali, il nostro (pessimo) firmato dai sindacati confederali dopo quasi 8 anni di rinvio, no. Il nostro contratto invece sancisce che si lavori per un salario basso e che si è sempre più precari e con pochi diritti: se li reclamiamo, siamo “soci”, se invece vogliamo farci sentire nelle “nostre” coop, siamo lavoratori che disturbano. In compenso il nostro CCNL prevede, ad esempio, la legittimità di contratti individuali inferiori a 10 ore o le notti “passive”: stiamo sul lavoro ma non veniamo pagati. I nostri stipendi variano dai 700 ai 1200 euro mensili e non coprono tutto l’anno: d’estate spesso siamo a casa, senza stipendio.

Leggi tutto: Comunicato Usi-Parma - Usi/Educazione

Sciopero 9 marzo 2020

PERCHE’ DELLA SOSPENSIONE DELLO SCIOPERO GENERALE DEL 9 MARZO

Di fronte alle posizioni emerse da NuDM, di rinunciare alla giornata di sciopero produttivo (non alle mobilitazioni espresse in varie forme nelle giornate dell’8 e 9 marzo) in seguito al divieto imposto dal governo, come Unione Sindacale Italiana (U.S.I.-C.I.T.) ritiriamo la proclamazione dello sciopero nella giornata del 9 marzo.

Confermiamo l’impegno del nostro sindacato a tutte quelle motivazioni che sono alla base dello sciopero stesso e la nostra partecipazione a tutte le iniziative e mobilitazioni che si terranno nelle giornate dell’8 e 9 marzo, per la rivendicazione di tutti i diritti delle donne, contro ogni forma di oppressione e di violenza di genere e contro ogni discriminazione nei confronti di tutti i soggetti che sfuggono alla rigida visione eteronormata della società.

Parteciperemo alle mobilitazioni in Italia e nelle varie parti del mondo dove è possibile attraverso la International Confederation of Labour (I.C.L-C.I.T.), associazione sindacale internazionale della quale siamo partecipi.

Leggi tutto: Sciopero 9 marzo 2020

Milano - Sciopero all'Istituto Sacra Famiglia

Una importante giornata di sciopero delle lavoratrici e lavoratori dell’Istituto della Sacra Famiglia

 

Dopo le assemblee infuocate dei giorni scorsi da parte dei dipendenti della Sacra Famiglia, i cortei interni contro i dirigenti aziendali, il presidio riuscito davanti ai cancelli dell’Istituto, è stata effettuata una giornata di sciopero il 19 febbraio, per dare una forte ed eloquente risposta alla Direzione Aziendale che in modo arbitrario e unilaterale ha imposto il passaggio dei propri dipendenti assunti con contratto Aris (circa 900) al contratto peggiorativo Uneba, con cui erano stati assunti i propri dipendenti dopo il 2008.

Uno sciopero molto partecipato e riuscito, sia nella sede centrale di Cesano Bosconi che nelle sedi della altre filiali. Riuscito malgrado l’Azienda abbia giocato sporco, applicando impropriamente in occasione delle sciopero, le regole previste del contratto Aris disdettato che prevedeva la presenza del 50% per i servizi essenziali, invece delle regole dell’Uneba che prevedono il 33%, imponendo la sostituzione dei comandati in malattia, cosa che l’Uneba non prevede. Ciò nonostante si sono create delle disfunzioni organizzative lamentate dall’Azienda che ha fatto un esposto al Prefetto.

Leggi tutto: Milano - Sciopero all'Istituto Sacra Famiglia

Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali di Genova

"Bilancio" del CALP sul presidio a varco Etiopia di lunedì 17 contro la presenza nel porto di Genova della Bahri Yanbu.

 

Sono passati alcuni giorni dal presidio a Varco Etiopia contro l'arrivo della Bahri Yanbu e può essere il momento per alcune riflessioni e un abbozzo di bilancio.

Provando a districarsi nel grande meccanismo della guerra si corre il rischio di perdersi e di incrociare un'ipocrisia dopo l'altra. Di fronte a quest'enormità pare solitamente che non si possa fare nulla o che i gesti e le azioni rimangano di fatto inefficaci. A noi invece pare che quello che è successo negli ultimi mesi attorno alla lotta contro la Bahri sia importante e produca degli effetti reali: mentre conoscevamo conflitti semisconosciuti e luoghi dai nomi difficili abbiamo conosciuto altri compagni, vicini e lontani e che in qualche caso avevano cominciato questa battaglia ben prima di noi. Una dimostrazione della dimensione assunta è la variegata (e se consideriamo il giorno feriale e la pioggia, pure significativa) partecipazione al presidio di Lunedì 17: volevamo bloccare l'ingresso principale del porto e chi c'era è stato da subito disponibile a porsi su questo piano e il blocco è durato più di sette ore, in barba agli avanzamenti repressivi dei governi. Danni reali forse non molti, perché probabilmente le contromisure per la gestione del traffico portuale, deviato sui varchi secondari, erano state prese in anticipo. Ma comunque un segnale significativo.

Leggi tutto: Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali di Genova

14 febbraio 2020 - SCIOPERO GENERALE della Scuola

LO SCIOPERO GENERALE DELLA SCUOLA E' SOLO L'INIZIO!

 

Quella del 14 febbraio è stata una giornata importante, che ha visto scendere in piazza, in diverse città, migliaia di lavoratrici e lavoratori della scuola, studenti e studentesse, educatrici ed educatori, con rivendicazioni comuni e uniti contro un governo capace solo di tagliare da una parte ed incrementare la precarietà e l’incertezza lavorativa dall’altra.

Lo Sciopero generale della scuola, proclamato da USI-Educazione, Cub Sur, Sgb, Adl Cobas e Sial Cobas (che ha esteso la proclamazione anche ai dipendenti privati operanti nella scuola, quindi educatori, addetti alle pulizie, ecc.), è frutto della volontà di autorganizzazione e lotta da parte delle lavoratrici e dei lavoratori precari/e della scuola, che hanno dato vita a Coordinamenti di precari autoconvocati in diverse città, in collegamento e collaborazione fra loro.

Il Coordinamento Precari Autoconvocati infatti, nato a Milano agli inizia di novembre, in pochi mesi ha visto crescere una rete orizzontale, composta da insegnanti ma non solo, che si è sviluppata su tutto il territorio nazionale, dalla Lombardia alla Sardegna, dalla Toscana alla Puglia, con obiettivi e metodologie comuni.

Leggi tutto: 14 febbraio 2020 - SCIOPERO GENERALE della Scuola
Top