Usi/Educazione - Chiarimenti sulla figura professionale dell'educatore

EDUCATORE: CHE STANNO COMBINANDO?

Come già abbiamo comunicato, a livello normativo si sta definendo sempre più la figura dell’educatore. In realtà, c’è sempre molta confusione, un po’ perché c’è sempre stata confusione in materia, un po’ perché chi fa le leggi, non è così interessato alla chiarezza.

ALBO ed ELENCHI SPECIALI:

Se è vero che è giusto riconoscere la PROFESSIONALITA’ di un mestiere così difficile e poco riconosciuto come l’educatore è pur vero che l’istituzione di albi professionali e elenchi speciali così cari sono assolutamente fuori dalla realtà. Tanto più considerando che la gran parte di noi lavora come lavoratore dipendente in Cooperative Sociali, Fondazioni, Onlus con gli stipendi che ben conosciamo!

LO SPACCHETTAMENTO DEGLI EDUCATORI:

Gli educatori sono adesso di diverso tipo, in sintesi:

Leggi tutto: Usi/Educazione - Chiarimenti sulla figura professionale dell'educatore

Usi/Educazione - "Rinnovo" CCNL UNEBA

UNEBA E DINTORNI: SEMPRE PEGGIO!

Il 10 dicembre ’19 è stato firmato un pre-accordo sul rinnovo del Contratto UNEBA, scaduto da ben 7 anni, tra le centrali cooperative e Cgil Cisl e Uil. Se temevamo che il rinnovo UNEBA avesse ricalcato quasi in tutto e per tutto il pessimo rinnovo del CCNL Cooperative Sociali, la realtà ha superato il nostro pessimismo. Mai infatti avremmo pensato che con questo rinnovo di categoria sarebbero riusciti a fare addirittura peggio!

  • Innanzitutto: il nuovo CCNL sarà 2017-2019, con consultazione dei lavoratori (e relativa entrata in vigore) a fine gennaio ’20. ENTRERA’ IN VIGORE GIA’ SCADUTO!
  • Per i 7 anni di “vacanza contrattuale”? Una una-tantum di 100€! Quando? Nel febbraio del ’21 (il rinnovo del CCNL Cooperative Sociali ha visto – sempre per 7 anni di ritardo – una una-tantum di 300€ - tre volte tanto – così erogati: 200 subito, 100 dopo qualche mese. Trovate voi le differenze).
Leggi tutto: Usi/Educazione - "Rinnovo" CCNL UNEBA

Catena Musicale - Milano

LA CATENA MUSICALE UN'INIZIATIVA MOLTO PARTECIPATA

La Catena Musicale, che si è svolta nel centro di Milano nel pomeriggio di sabato 14 dicembre, come è noto, è stata una iniziativa proposta da musicisti della Scala e successivamente sostenuta dalla famiglia Pinelli e aperta alla adesione di quanti ne hanno sottoscritto l’appello.

Lo scopo era quello di denunciare, nel cinquantenario di quegli avvenimenti, l’ingiustizia subita dall’anarchico Giuseppe Pinelli, fatto precipitare dal 4 piano della Questura di Milano.

La Catena Musicale si snodava da piazza Fontana, dove era stata messo in atto la Strage, fino vicino alla Questura, l’ultima tappa concessa, caratterizzata da musiche e canti di protesta.

L’accusa era espressa attraverso  le canzoni tipiche del repertorio anarchico (Addio Lugano Bella/ La Ballata di Pinelli/ Il Galeone/ La Ballata di Sacco e Vanzetti) ed altre improvvisate per l’occasione. Le uniche bandiere presenti erano quelle rosso/nere degli anarchici e dell’Unione Sindacale Italiana.

Leggi tutto: Catena Musicale - Milano

Comunciato Unione Contadina

SABATO 21 DICEMBRE, ALLE ORE 14,00 UNA MANIFESTAZIONE CITTADINA CON CONCENTRAMENTO A LARGO FOGLIANI  

Unione Contadina - Usi Contro ogni sfruttamento

Le logiche del profitto capitalista, applicate al settore dell'agroindustria, mostrano come non basti estrarre ogni possibile risorsa dal suolo e dall'ambiente, incuranti dei danni irreparabili che vengono prodotti a discapito della collettività. Per poter stare sul mercato, in maniera competitiva, occorre applicare la stessa logica anche nei confronti della forza lavoro, sugli uomini e sulle donne che materialmente coltivano, raccolgono, puliscono ed imbustano le insalate pronte all'uso in bella mostra nei nostri supermercati.
Indipendentemente dal tipo di accordo che si riuscirà a negoziare in questi giorni e dalle evidenti responsabilità di tutte le sigle sindacali coinvolte come Unione Contadina riteniamo che la vertenza A&V non sia un'eccezione ma rappresenti un esempio paradigmatico di un modello di sviluppo inaccettabile. 

Leggi tutto: Comunciato Unione Contadina

21 Dicembre 2019 - Unione Contadina

APPELLO ALLA MOBILITAZIONE DI CONTADINE E CONTADINI NELLO SPEZZONE DELL' UNIONE CONTADINA.

Sabato 21 dicembre l'Unione Contadina sarà in piazza a Fermo al corteo Contro lo sfruttamento in agricoltura  

Pur non aderendo al corteo, abbiamo deciso di partecipare per portare i nostri temi e per il dovere di sostenere i lavoratori in lotta nella vicenda Ambruosi e Viscardi e le altre lotte nel settore agricolo, saremo in piazza con il nostro sindacato Autogestito con questa piattaforma:

- RIBELLARSI ALLO SFRUTTAMENTO E' SEMPRE GIUSTO SIAMO AL FIANCO DEI LAVORATORI IN LOTTA

- SUPERARE L'AGROINDUSTRIA PER LIBERARE DONNE, UOMINI, AMBIENTE E ANIMALI DALLO SFRUTTAMENTO CAPITALISTA.

-DENUNCIARE L' APPLICAZIONE DI CONTRATTI DI LAVORO AGRICOLI IN CONTESTI INDUSTRIALI A TUTTI GLI EFFETTI.

Leggi tutto: 21 Dicembre 2019 - Unione Contadina

21 Dicembre 2019 - Solidarietà Autogestita Roma

Baratto? Si può fare!

Sabato 21 dicembre abbiamo organizzato il quarto mercatino del Baratto dalle ore 16:00 alle ore 19.00 allo Spazio Anarchico 19 Luglio in via Rocco da Cesinale 18 a garbatella (metro B). Porta con te uno o più oggetti che non usi più, ma ancora in buone condizioni (libri, giocattoli, vestiti eccetera) e scegli fra gli oggetti esposti quello che fa per te. L’obiettivo è quello di promuovere la cultura del Baratto. Rimettere in circolo gli oggetti sottraendoli alla loro prematura classificazione in rifiuti, questo ci permetterà di abbandonare la formula dell’usa e getta impostataci dal consumismo e di renderci sempre meno schiavi del denaro! Sarà un’occasione per barattare anche arti e mestieri.

A partire dalle ore 18.30 ci sarà una proiezione a sorpresa e seguirà una cena a buffet a sottoscrizione libera.

Solidarietà Autogestita - USI CIT Roma Pinelli

Gruppo Anarchico C.Cafiero FAI Roma

12 Dicembre 2019 - Milano

UN GRANDE CORTEO A MILANO PER IL CINQUANTESINO DELLA STRAGE DI STATO

Il 12 dicembre si è svolto a Milano un corteo molto partecipato nel cinquantesimo anniversario per ricordare che quella di piazza Fontana fu una Strage di Stato, che Giuseppe Pinelli fu assassinato e che Valpreda era innocente. Alla manifestazione c’erano state molte adesione da parte di Comitati Antifascisti, di Centri Sociali, di varie associazioni, di sindacati di base come la CUB e diversi raggruppamenti poitici. Anche la FAI milanese ha dato l’adesione. L’USI di Milano  ha partecipato. L’appuntamento per la manifestazione era alle 18,30 in piazza Cavour. Il corteo è partito dietro lo striscione d’apertura Strage di Stato, mano fascista / Milano non dimentica e diversi erano gli striscioni lungo il corteo (Non c’è futuro senza memoria - Pinelli assassinato / piazza Fontana Strage di Stato) che caratterizzavano i vari raggruppamenti. La Federazione anarchica milanese ha portato il suo striscione (Per la rivoluzione sociale / Solidarietà internazionale) seguito dalle bandiere rosso e nere. In quella parte del corteo erano presenti anche diverse bandiere dell’USI costituendo uno spezzone rosso/nero molto partecipato.

Leggi tutto: 12 Dicembre 2019 - Milano

14 Dicembre 2019 - Milano

SERATA NEL RICORDO DI PINO

(Spazio di via Micene – quartiere San Siro)

Cinquantesimo anniversario dell’uccisione, nella Questura di Milano, di Giuseppe Pinelli, ferroviere anarchico, partigiano, anarcosindacalista; diciottesima vittima innocente nel massacro di Stato a piazza Fontana.

Innocente come gli anarchici Pietro Valpreda, Roberto Gargamelli, Roberto Mander, Emilio Borghese, Emilio Bagnoli incarcerati fino a tre anni con l’accusa infamante di aver organizzato gli attentati di Milano e Roma, per poi essere riconosciuti completamente estranei.

Con la cancellazione progressiva delle principali conquiste di quegli anni, oggi è più che mai evidente la volontà del Potere di allora di fermare il movimento di lotta operaio e studentesco con ogni mezzo, ricorrendo anche all’uso del terrore e alla provocazione, complici gruppi nazifascisti e servizi segreti USA.

Leggi tutto: 14 Dicembre 2019 - Milano

UNIONE CONTADINA - USI CIT

L'Unione Contadina, sindacato autogestito delle lavoratrici e dei lavoratori della terra, nasce per tutelare e raccordare tutte/i coloro che praticano lavoro agricolo attraverso il mutuo appoggio tra aderenti, per sostenere il diritto ad un lavoro libero dallo sfruttamento, autogestito e rispettoso della salute e della dignità umana, animale e dell'ambiente.
Obiettivo è superare la logica autoritaria e capitalistica attraverso la promozione di strutture autogestite, cercando di raccordare i vari soggetti e sostenere la solidarietà reciproca.
 
Per una critica al modello agroindustriale e GDO
 
Le logiche del sistema economico-sociale vigente, soprattutto quelle applicate all'agricoltura, plasmano un modello produttivo per noi insensato ed inaccettabile.
Produrre cibo all'interno del paradigma agroindustriale significa negare ogni principio di sovranità e di democrazia alimentare, distruggere i tessuti sociali delle aree più marginali, sopprimere la biodiversità, annullare la fertilità dei suoli, rendere i nostri territori meno resilienti nei confronti dei fenomeni atmosferici, aggravare la crisi climatica ma significa anche nutrirsi di prodotti di scarsissima qualità e dannosi per la salute o dover lavorare in condizioni di estremo sfruttamento. Pensiamo insomma che tale modello sia folle, ingiusto ed insostenibile da tutti i punti di vista.
 
Leggi tutto: UNIONE CONTADINA - USI CIT

1 dicembre 2019 - USI-CIT Puglia

Cominciano a calare le braghe …

Ovvero sui fatti e sugli avvenimenti che portarono alla distruzione della Camera del lavoro Sindacale di Bari avvenuta nella notte tra il 7/8 agosto 1922 cominciano ad emergere le prime verità storiche già enunciate (nel 2013) in un opuscoletto edito dalla sezione pugliese dell’USI-AIT.

Qui di seguito la lettera che – come Segreteria USI-CIT Puglia – abbiamo inviato alla redazione locale del quotidiano La Repubblica.

 

In merito a questo episodio citato nel vostro articolo rammento che è stato approntato e diffuso in rete l’opuscolo – curato dalla sezione pugliese dell’USI-AIT – sugli avvenimenti che portarono (nella notte tra il 7/8 agosto 1922) alla distruzione della Camera del lavoro Sindacale (USI) di Bari operata dalle forze “congiunte” delle squadre fasciste capitanate da Caradonna ed un battaglione (con tanto di autoblindo e mitragliatrici) di bersaglieri. Sul sito nazionale dell’Unione Sindacale Italiana è possibile reperire il download per scaricare il file originale che è stato ristampato in forma cartacea pochi giorni fa (novembre 2019)

Leggi tutto: 1 dicembre 2019 - USI-CIT Puglia
Top